fbpx
Home / Posts Tagged "MedDiet"

Combattere l’influenza è possibile: lo dice anche la scienza, suggerendo, come alleata, la dieta mediterranea, baluardo di un’alimentazione varia, equilibrata e rispettosa della stagionalità.

Composta principalmente da frutta, verdura, legumi, cereali integrali, noci, pesce, olio d’oliva e basso contenuto di carne rossa, dolci e latticini, la MedDiet è stata recentemente oggetto di uno studio, pubblicato dal Journal of Nutritional Biochemistry, che individua il ruolo fondamentale dei microrganismi intestinali nella salute del sistema immunitario, concludendo che proprio tale dieta sia in grado di aumentare e mantenere la loro capacità antinfiammatoria.

Olio, alimento medicinale

Recenti studi scientifici hanno inoltre dimostrato che varie fonti alimentari di origine naturale siano in grado di rafforzare le capacità del sistema immunitario, schierato in prima linea contro le infezioni e le malattie infettive causate da virus e batteri; tra queste spicca l’olio extravergine d’oliva o EVO, elemento principale della dieta mediterranea, i cui composti fenolici dalle proprietà antinfiammatorie, antimicrobiche, antibatteriche e antivirali, gli hanno valso l’appellativo di super food. Un alimento fondamentale per l’uomo, al punto che la Food and Drug Administration, l’agenzia statunitense che si occupa dei controlli dei farmaci e degli alimenti, lo ha promosso di grado, dichiarando alimento medicinale esattamente 6 diverse cultivar d’olivo, ben 4 italiane – Coratina, Ogliarola, Maurino e Moraiolo.

 

Un risultato davvero straordinario per il nostro Paese – che conta più di 500 cultivar sulle 2.000 mondiali – ma anche per l’Umbria che, dopo il riconoscimento della FAO, guarda con orgoglio al Moraiolo, la sua cultivar prevalente, specie laddove varietà ed escursione termica rendono l’EVO DOP ricco di sostanze fenoliche. Un’Umbria, che negli anni, ha saputo impiegare al meglio le sue capacità, intensificando l’agricoltura biologica (cereali, leguminose, vite e olivo) e quella biodinamica, che vieta l’uso di sostanze chimiche, fa attenzione ai fertilizzanti, e recupera le tradizioni delle fasi lunari e del miglioramento biochimico e biologico del suolo. Ma la grande conquista che nel Centro Italia vede primeggiare proprio l’Umbria è la tecnica di spremitura a freddo: un procedimento di estrazione dell’olio che lavora a temperature inferiori ai 27°C, garantendo qualità superiore, aroma intensificato e conservazione migliore, esaltando le caratteristiche organolettiche dell’olio e dell’olivo. Come del Moraiolo: tenace, amante dell’altitudine, capace di resistere tanto al freddo e al terreno di breccia calcarea, quanto all’aggressività di virus e batteri!