fbpx
Home / Cultura  / Antonio Mezzancella: “Sono un tipo timido”

Antonio Mezzancella: “Sono un tipo timido”

di Agnese Priorelli

«Il mio sogno è presentare Sanremo, ma per ora ho in programma un tour tutto mio, che partirà a maggio».

Antonio Mezzancella è timido e riservato. Potrebbe sembrare strano, considerando la professione che ha scelto, ma è davvero così. Lo scopro durante la nostra chiacchierata e lui me lo conferma: «Nella vita di tutti i giorni sono un tipo timido, poi indosso una maschera e vado».
È partito da Perugia, sua città natale, per arrivare, passo dopo posso, a essere un imitatore tra i più apprezzati della televisione italiana. La sua carriera è iniziata nelle piazze umbre tra piano bar e cabaret, poi i villaggi turistici e nel 2004 la vittoria al Festival di Castrocaro. Da quel momento è stato un crescendo: radio, ospitate televisive, la fondazione del gruppo musicale Italian Disco Mafia, il secondo posto nel talent show Tú sí que vales, fino ad arrivare alla vittoria del programma Tale e Quale Show, che gli ha portato notorietà e apprezzamenti per le sue imitazioni canore: da Ermal Meta a Eros Ramazzotti, da Claudio Baglioni a Francesco Renga, da Edoardo Bennato a Nek.

 

Antonio Mezzancella, 39 anni

Antonio, qual è il suo legame con l’Umbria?

L’Umbria rappresenta la mia infanzia, oggi vivo a Roma ma torno sempre appena posso. Qui ho la mia famiglia e ci sono i luoghi dove sono cresciuto, per questo è sempre bello tornarci.

Imitatore, showman, cantante: chi è Antonio? Quale mestiere sente più vicino?

Nessuno dei tre e tutti e tre. Nella vita di tutti i giorni sono un tipo timido, poi indosso la maschera e mi butto. Per questo mi riesce meglio, forse, fare l’imitatore: è il lavoro, tra i tre, con il quale ho rotto il ghiaccio in questo mondo.

Con quale dei tre vorrebbe essere identificato?

Con tutti e tre. Vorrei essere un presentatore che imita e sa cantare.

In stile Fiorello…

Esatto. Sarebbe perfetto perché, non dovrei privarmi di nulla e potrei fare tutto quello che mi piace. Lui rappresenta un mio modello, una persona nel mondo dello spettacolo a cui mi ispiro.

Quando ha iniziato a fare l’imitatore?

Ho iniziato a Perugia e nei dintorni, facendo piano bar nei locali e facendo cabaret nelle piazze dell’Umbria. Poi ho partecipato al Festival di Castrocaro e a diversi programmi radiofonici. Step by step sono riuscito a realizzare concretamente quello che oggi sto facendo.

Qual è stata, fino a oggi, l’esperienza televisiva o radiofonica più coinvolgente?

Il Festival di Castrocaro è stata la mia prima esperienza televisiva su Rai1, per questo lo ricordo come un momento molto emozionante, nonostante non capivo bene cosa stesse accadendo. Guardando invece più vicino, l’ultima esperienza a Tale e Quale Show l’ho affrontata con più consapevolezza: 15 anni fa ero allo sbaraglio, non avevo idea di quello che stavo facendo e non me la sono nemmeno goduta come avrei dovuto. Devo dire che ero proprio nel pallone!

Tra le due vittorie qual è stata più emozionate?

Quella di Tale e Quale perché ero – come detto – più consapevole ed è stata frutto di sacrifici fatti nel corso degli anni. Ho seminato e seminato, alla fine ho raggiunto il mio traguardo.

Quali sono i personaggi che adora imitare?

I cantanti sono i personaggi che mi diverto più a imitare: ho stilato una lista e sono arrivato a 61 imitazioni.

Gli ultimi che ha preparato?

Ultimo e Mahmoud. Sono proprio sul pezzo!

C’è invece un personaggio che vorrebbe imitare, ma che ancora non è riuscito?

Gerry Scotti. Non mi riesce e non mi riuscirà mai! Per imitare un personaggio devi trovare la chiave giusta, con lui ancora non l’ho trovata.

Il suo sogno nel cassetto?

Presentare Sanremo. Magari il prossimo anno (scherza).

Progetti futuri più imminenti, invece…

Ho in previsione una tournée estiva, sarà una bella produzione con tanto di corpo di ballo; partirà a maggio e toccherà tutta Italia, a breve nei social troverete tutte le date e le città. Poi ho in cantiere altri progetti dei quali è ancora presto parlare.

Al cinema ci ha mai pensato?

Sì, alla fine è un mondo parallelo. Se si dovesse presentare l’occasione non direi di no.

Un’imitatrice famosa umbra è Emanuela Aureli, vi conoscete?

Sì, certo, ci conosciamo bene. Tra di noi c’è sempre stata grande stima, ci vediamo, ci diamo consigli sul nostro lavoro, sul come fare un personaggio o anche una semplice battuta.

Se l’Umbria fosse un personaggio, come la rappresenterebbe?

Sicuramente mi focalizzerei sugli spazi, sul ritmo più umano rispetto a Roma, ad esempio, e sulla vivibilità e genuinità. Tutto questo lo apprezzi guardandolo da fuori e da lontano, quando lo vivi si dà sempre per scontato. Inoltre, ci sono i parcheggi: non è una cosa da sottovalutare (ride).

Come descriverebbe l’Umbria in tre parole?

Tranquilla, genuina e vivibile.

La prima cosa che le viene in mente pensando a questa regione…

Il verde.

The following two tabs change content below.

Agnese Priorelli

Laureata in Scienze della Comunicazione, è giornalista pubblicista dal 2008. Ha lavorato come collaboratrice e redattrice in quotidiani e settimanali. Ora collabora con un giornale online e con un free press. È appassionata di cinema e sport.

Ultimi post di Agnese Priorelli (vedi tutti)