fbpx
Home / Posts Tagged "San Sebastiano"

Alla scoperta delle due opere del Divin Pittore esposte a Panicale e Cerqueto.

Il Martirio di San Sebastiano, Perugino. Panicale

 

Nella città di Panicale, borgo non distante da Città della Pieve, nella chiesa dedicata a San Sebastiano è custodito l’affresco realizzato dal Vannucci nel 1505 raffigurante il martirio del Santo, soldato vissuto al tempo dell’imperatore Diocleziano. Sebastiano si convertì al Cristianesimo e fu condotto al martirio, ma sopravvisse alle frecce che gli furono scagliate dai suoi commilitoni; i soldati, vedendolo morente e perforato dai dardi, lo credettero morto e lo abbandonarono sul luogo. Santa Irene, che voleva recuperarne il corpo per dargli sepoltura, si accorse che il soldato era ancora vivo, per cui lo trasportò nella sua dimora sul Palatino e lo curò dalle molte ferite con pia dedizione. Venne poi condannato a morte mediante flagellazione.
Il Santo, sopra un alto plinto, si trova sotto di un grandioso porticato che si affaccia su un luminoso paesaggio. È al centro della scena in posizione dominante legato ad una colonna, il suo corpo è candido e perfetto e non sembra sentire dolore. Gli arcieri ai suoi piedi danno movimento a tutta la scena; gli uomini con pose bizzarre sembrano danzare; caratteristica dell’arte cinquecentesca sarà proprio la danza degli arcieri.

 

Perugino nella chiesa di Cerqueto

Lo stesso soggetto è stato raffigurato dal Perugino nella chiesa di Cerqueto, borgo medievale nel comune di Marsciano. Un piccolo e grazioso borgo sulla sommità di una collina lungo l’antica via che raggiunge Perugia. L’affresco è di notevole importanza perché è la prima opera del maestro datata 1478 e firmata; per gli studiosi nella produzione artistica del Perugino esiste un prima e un dopo l’affresco di Cerqueto.
Il Santo legato alla colonna si presenta con un’aria languida, assorta più che sofferente, con evidenti trapassi chiaroscurali e con un ritmo lento e pacato. Il Perugino è ormai pronto, dopo i lavori in provincia, per il più importante palcoscenico dell’arte: da lì a poco infatti Sisto IV lo chiamerà a Roma.