fbpx
Home / Posts Tagged "Hyla Maker Lab"

Sabato 20 gennaio Tuoro sul Trasimeno ha catalizzato l’attenzione di tantissime persone che si sono ritrovate all’Hyla Maker Lab per vedere da vicino il primo FabLab del Trasimeno.

Il taglio del nastro è avvenuto alla presenza della sindaca della cittadina umbra Maria Elena Minciaroni, che ha elogiato l’iniziativa sottolineando l’importanza di una struttura di questo livello in una realtà come quella toreggiana, e del sindaco dei ragazzi Mattia Spilinga, che ha simpaticamente raccontato il grande impegno profuso negli ultimi mesi per realizzare questo progetto.

Le tante persone presenti hanno quindi avuto la possibilità di accedere al FabLab, una struttura intelligente concepita secondo i più moderni dettami della tecnologia, che accompagna il visitatore in un percorso affascinante creato per dare risposte tangibili a chiunque sia alla ricerca di uno spazio in cui realizzare idee e progetti.

La visita è iniziata dalla sala riservata alla formazione, con 50 posti a sedere e un grande monitor. Qui Cristiano Spilinga, owner di Hyla Maker Lab e uno degli ideatori del FabLab, dando il benvenuto agli ospiti ha illustrato gli obiettivi del progetto, sottolineando con orgoglio l’importanza che questo sia nato in una cittadina come Tuoro, che diventa così punto di riferimento non solo per il territorio del Trasimeno ma per l’intera regione.

Il tour è poi proseguito verso la postazione podcast-video per poi passare all’area dedicata a stampanti 3D, CNC, scanner 3D, laser cutter, saldatori, utensili manuali, attrezzi per la lavorazione del legno e del metallo. Un vero hub tecnologico per lo sviluppo di progettualità in vari ambiti, con particolare riferimento ai temi della transizione ecologica, dell’economia circolare e della tutela del territorio e della biodiversità. Il FabLab è indirizzato a imprese e start-up, comunità locali, artisti e designer, maker e appassionati di fai-da-te, studenti e professionisti che qui potranno, in base a competenze e necessità, realizzare prototipi, creare opere d’arte, pezzi di design o oggetti personalizzati, acquisire competenze pratiche e tecniche, e tanto altro ancora.

Una realtà quella di Hyla Maker Lab che assume ancora più valore perché sceglie di insediarsi in un piccolo borgo in controtendenza con la realtà nazionale che vede questi centri quasi sempre al Nord e nelle grandi città. Un’officina moderna aperta a tutti, uno spazio di creazione e condivisione al servizio del territorio e di cui il territorio potrà beneficiare.

Sabato 20 gennaio alle ore 16:00 a Tuoro sul Trasimeno (Via Baroncino 10) verrà inaugurato Hyla Maker Lab, il primo FabLab del Trasimeno, un punto di riferimento per i cittadini e per le aziende del territorio dove poter realizzare idee e sviluppare soluzioni innovative, coniugando natura e tecnologia.

Lo spazio si configura infatti come un vero hub tecnologico per lo sviluppo di progettualità in vari ambiti, con particolare riferimento ai temi della transizione ecologica, dell’economia circolare e della tutela del territorio e della biodiversità, rifacendosi al concetto di Green FabLab.

 

 

Hyla Maker Lab – con la sua dotazione di attrezzature e macchinari per la produzione (stampanti 3D, CNC, scanner 3D, laser cutter, saldatori, utensili manuali, attrezzi per la lavorazione del legno e del metallo), un’aula formazione per corsi ed eventi formativi e un’area podcast e video – rappresenta una soluzione completa indirizzata a imprese e start-up, comunità locali, artisti e designer, maker e appassionati di fai-da-te, studenti e professionisti che qui potranno, in base a competenze e necessità, realizzare prototipi, creare opere d’arte, pezzi di design o oggetti personalizzati, acquisire competenze pratiche e tecniche, e tanto altro ancora.

Specifiche proposte sono indirizzate alle scuole, che qui possono trovare uno spazio in cui sviluppare progetti connessi a scienze e tecnologia e, in generale, a tematiche proprie affrontate dalle STEM.

Dopo i saluti istituzionali, seguirà una presentazione delle attività che verranno svolte e una visita agli spazi del FabLab. Il pomeriggio si chiuderà con brindisi e stuzzichini.

Parte degli interventi sono finanziati dalla Regione Umbria, nell’ambito del PSR Programma di Sviluppo Rurale per l’Umbria 2014-2020 – Mis. 6.4.3, e dal Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie, attraverso i fondi dedicati alle Imprese Femminili Innovative Montane.