fbpx
Home / Posts Tagged "evento enogastronomico"

Quattro giorni di gusto, festa, incontri, dibattiti, mercato, laboratori, show cooking, musica, area ludico – educativa per bambini, un concorso dedicato agli studenti delle scuole dell’infanzia e tanto pesce di lago, fiume e mare. L’evento è in programma al percorso verde di Pian di Massiano dal 6 al 9 giugno.

Nuova location e tante novità culinarie e culturali. Sarà piena di sorprese la seconda edizione di I Love Fish, la manifestazione ad ingresso libero in programma presso il percorso verde Leonardo Cenci di Pian di Massiano di Perugia da giovedì 6 a domenica 9 giugno prossimi. Quattro giorni di gusto, festa, incontri, dibattiti, mercato, laboratori, show cooking, intrattenimenti musicali serali, area ludico – educativa per bambini, un concorso dedicato agli studenti delle scuole dell’infanzia e tanto pesce di lago, fiume e mare: il tutto da godersi in pieno relax ed immersi nella natura. Una straordinaria manifestazione enogastronomica, che proporrà una selezione di oltre trenta piatti di pesce, sia innovativi che legati alla tradizione. Ogni piatto sarà un’esperienza culinaria unica, che si accompagnerà a racconti e riflessioni sul consumo consapevole, promuovendo l’importanza della salubrità del pesce a tavola e il suo impatto socio-ecologico, con il coinvolgimento di tante realtà associative ed economiche legate al settore ittico e non solo. L’evento è organizzato da Verso Associazione di promozione sociale in collaborazione con Un/Lab Snc con il patrocinio del Comune di Perugia e dell’Unione dei Comuni del Trasimeno.

LE INIZIATIVE IN PROGRAMMA

I Love Fish sarà teatro per le storie della migliore imprenditoria ittica territoriale e nazionale, per un serio racconto della itticoltura italiana, sempre più attenta e sostenibile. Un luogo idoneo per ospitare le cooperative della pesca dei mari d’Italia, per un dialogo a due voci, quello della pesca di acque salate e dolci, così da portare il mare dove il mare non c’è. Ma ci sarà spazio anche per le ricette, show cooking, master class e tanto altro ancora.

Tra i maggiori partner e relatori che interverranno nei panel divulgativi della manifestazione e che si alterneranno nei due palchi di I Love Fish, ci saranno rappresentanti di: Regione dell’Umbria, Comune di Perugia, Unione dei Comuni del Trasimeno, Parco Tecnologico 3A, Almanacco Barbanera, Ada Gourmet, Cooperativa dei Pescatori del Trasimeno, Cooperativa dei Pescatori Stella del Lago, Cooperativa dei Pescatori Proloco Chioggia e Sottomarina, Erede Rossi Silvio Itticoltura, Ittica Tranquilli, Cherubini Troticoltura, Biodistretto Lago di Bolsena, Scuole dell’Infanzia del Territorio Perugino, Università dei Sapori Perugia, Università per Stranieri di Perugia, Strada del Vino Colli del Trasimeno, Strada dei Vini Etrusco-Romana, Strada Dei Vini del Cantico, Strada del Sagrantino, Strada dell’Olio DOP Umbria, Eurofishmarket, blog “Informare per non abboccare”, Valentina Tepedino (Veterinaria), Mirko Revoyera (Cantastorie del mare).

Spazio alle cooperative di pesca che, nel corso degli anni, hanno dimostrato capacità nel saper trasformare l’attività più antica, in linea con le sfide attuali, che le vedono impegnate anche in nuove progettualità legate alla trasformazione del pescato, sino ad una proposta gastronomica dal lago alla tavola. Previste iniziative con la Cooperativa dei Pescatori del Trasimeno e la Cooperativa dei Pescatori Proloco Chioggia e Sottomarina che proporrà due ricette molto amate della tradizione veneta.

Fiume Europa. Il programma culturale di I Love Fish propone un focus sulla cultura del pesce d’acqua dolce presente non solo in Italia ma anche in Europa. In questo contesto il Parco Tecnologico 3A dell’Umbria rafforzerà quei racconti che mettono in luce le progettualità legate alla tutela della biodiversità e la presenza di ospiti provenienti da alcuni paesi dell’Europa, così da arricchire l’esperienza proposta ai visitatori. Il vino ed olio giusto. Confermata la collaborazione con le Strade del Vino e dell’Olio dell’Umbria, per una visione a tutto tondo dell’interessante mondo gastronomico regionale. Il palco centrale vedrà protagoniste le master class condotte dai sommelier delle Strade dei Vini e dell’Olio per un viaggio di conoscenza nell’abbinamento tra i piatti proposti nella manifestazione e i miglior vini ed oli regionali.

 

 

Ci saranno anche le Università al servizio del gusto. Attive le collaborazioni con Università per Stranieri e con Università dei Sapori di Perugia per ampliare, con autorevolezza, il racconto storico gastronomico di I Love Fish. Ai professori saranno affidati i percorsi culturali legati all’identità locale, con approfondimenti storici e gastronomici, che ci condurranno in un mondo del gusto per cui l’Italia è famosa in tutto il mondo. Per l’Università per Stranieri il professor Emore Paoli proporrà letterature e ricette storiche che saranno le protagoniste dello showcooking a cura di chef Polito della Locanda del Capitano. Per l’Università dei Sapori di Perugia è prevista una lezione sulle tecniche di conservazione dei prodotti ittici di acqua dolce e mare nella storia, condotta dal professor Marino Marini, docente di Storia e Cultura dell’Alimentazione e di Cucina Italiana della tradizione, con una dimostrazione di cucina a cura della chef Catia Ciofo.

Previsti anche un appuntamento speciale con Barbanera, autore del più celebre Almanacco e Calendario d’Italia dal 1762, dal titolo “Pisces, i cicli delle stelle e della luna” ed un incontro con Ada Stifani, chef stellato (Stella Michelin 2024) del Ristorante Ada di Perugia. I Love Fish coinvolgerà la miglior ristorazione locale ed ospita quelle realtà gastronomiche che rappresentano il mondo della cucina di pesce, a tutto tondo. Saranno presenti: Osteria Rosso di Sera a zonzo, La Locanda dei Pescatori del Trasimeno, Osteria Tinca’nto, La Vecchia Frittoria, Proloco Chioggia e Sottomarina, Proloco Ars Badiola, Proloco Villa Pitignano, Martana Ittica, Lago di Bolsena, F.lli Maurizi Ristorante Pescheria Montalto di Castro, Tipici Mediterranei Taranto, Dulcinea Gelateria.

 

 

All’interno della manifestazione ci sarà anche una ricca proposta di prodotti in vendita che coinvolgono le produzioni locali di eccellenza, per poter replicare anche a casa, i piatti assaggiati e per poter conoscere le migliori realtà produttive a chilometro zero. Nell’Area Mercato saranno presenti, ad oggi: Leo Bongusto, Pepeleu, Apicoltura Galli, Genial Gem, La Contessa Tartufi, Redox Life, Alagna & Spanò Stocco di Mammola, Il Podere della Quercia, Azienda Agricola F.lli Marconi.

Spazio ai bambini. Tante le iniziative che coinvolgeranno i più piccoli a partire da “Nutriamo il futuro”, il contest rivolto ai bambini delle scuole dell’infanzia di Perugia che consiste nella realizzazione di grandi pesci di cartone, decorati con materiali di scarto e riciclo. I grandi pesci decorati verranno poi esposti durante la manifestazione e le scuole saranno premiate con materiale didattico e kit-gioco realizzati sul tema delle opere artistiche regionali; le più meritevoli riceveranno delle Gift Card offerte dal centro commerciale Quasar Village. Il tema del riciclo sarà riproposto nell’ambito della manifestazione con laboratori dal tema “Ecco il mare che vogliamo”. E poi ancora “Glu glu storie di mare”, pomeriggio teatrale di e a cura di Mirko Revoyera. Il sabato pomeriggio di I Love Fish, offre uno spettacolo teatrale per i bambini e bambini dai 6 ai 10 anni, ideato e curato da un artista poliedrico come Mirko Revoyera, attore e cantastorie che farà viaggiare i bambini, dal Mar dei Sargassi al Mare Plicenico della Valle dei Calanchi. Prevista anche un’area giochi sempre disponibile, adiacente all’area dedicata alle proposte gastronomiche. Sarà affidata ai professionisti di Ideattivamente che proporranno giochi di costruzioni in legno per tutte le età. Prevista anche un’importante attività sull’educazione alimentare dedicata ai bambini.

 


Per ulteriori informazioni: www.ilovefish.it

Facebook: @ilovefishperugia

Istagram: ilovefishperugia

Festival della Cucina Umbra, dei Borghi più Belli e dei Maestri Artigiani 4.0.

Nel cuore verde dell’Italia, tra colline che si fondono con il cielo e borghi incantati che raccontano storie millenarie, sorge un’iniziativa che promette di far brillare ancora di più la luce dell’Umbria nel firmamento turistico nazionale e internazionale: nasce Umbriamoci.

L’Associazione di promozione sociale Umbriamoci si propone il compito di celebrare e diffondere l’enogastronomia umbra, gioiello culinario spesso sottovalutato al di là dei confini regionali. Guidata da un gruppo di appassionati insegnanti e preside dell’Istituto Alberghiero di Assisi, l’associazione mira a coniugare la tradizione gastronomica umbra con l’innovazione e la sostenibilità, promuovendo i cammini lenti che consentono di scoprire la bellezza e il gusto della regione in modo autentico e rispettoso dell’ambiente.

 

 

Il cuore pulsante dell’azione di Umbriamoci risiede nel suo impegno a favorire l’incontro e il dialogo tra tutti gli attori della ristorazione e dell’offerta turistica ricettiva. Questo ambizioso obiettivo mira a fare emergere l’identità culinaria unica dell’Umbria, fin troppo dispersa tra tanti localismi che hanno impedito il diffondersi di una riconosciuta e riconoscibile identità culinaria persino dentro gli stessi confini regionali. L’obiettivo è riunire attorno ad un tavolo i principali protagonisti dell’offerta ristorativa umbra affinché dalla loro competenza, sensibilità e cultura possano emergere i piatti identitari capaci di caratterizzare l’intera Regione e non solamente le sue microzone.

La scommessa è ardua. Cosa si mangia in Umbria? La risposta dovrà diventare finalmente univoca. Ciò non vuol dire che le microzone cesseranno di caratterizzarsi con i loro piatti tipici, anzi, gli stessi verranno proposti come ulteriore ricchezza attrattiva e distinguente ma dentro la cornice di una Regione che finalmente ha elevato a piatti regionali quelli che fino a quel momento sono stati considerati prettamente territoriali.

 

prodotti tipici umbri

Umbricelli

 

Grazie alla passione e alla competenza dei suoi fondatori, l’associazione si pone come catalizzatore di idee e iniziative che possono trasformare l‘Umbria in una meta turistica di eccellenza, capace di offrire esperienze autentiche e indimenticabili. Con il suo impegno nel promuovere un turismo esperienziale e sostenibile, Umbriamoci candida la regione ad essere ancor più una perla nel panorama italiano e internazionale, dove il viaggiatore diventa parte integrante della cultura e del paesaggio che visita.

A partire dal 2025, nel mese di aprile di ogni anno, Umbriamoci si unisce con la Regione Umbria, il Comune di Assisi, Coldiretti, Federalberghi, Confcommercio, Associazione Borghi più Belli Umbria, Unpli e numerosi altri soggetti pubblici e privati per promuovere il Festival della Cucina Umbra, dei Borghi più Belli e dei Maestri Artigiani 4.0. Una vetrina meravigliosa in cui raccontare l’Umbria sotto tre aspetti:

 

1)        i suoi piatti più significativi che, valorizzando l’identità territoriale, possano esprimere la variegata, originale e unica ricchezza gastronomica;

2)        i suoi borghi più belli capaci di offrire, accanto alle perle del turismo conosciute in tutto il mondo, una dimensione più intima ed emozionale;

3)        i maestri artigiani le cui arti, dalla ceramica al legno, dal ferro alla tessitura e dal ricamo a mano all’oreficeria, affondano le origini in un lontano passato ma che ancora oggi rappresentano un giacimento di ricchezza anche lavorativa da valorizzare e rilanciare. L’idea che i nostri ragazzi terminati i percorsi scolastici possano andare a bottega ad apprendere arti e mestieri è particolarmente suggestiva.

 

Ceramica di Deruta

 

In un mondo sempre più globalizzato, l’Associazione di promozione sociale Umbriamoci vuole rappresentare un faro di autenticità e tradizione, un invito a rallentare e assaporare ogni istante, ogni piatto, ogni passo lungo i cammini che solcano l’Umbria, terra di storia, tradizioni, emozioni e sapori da scoprire.