fbpx
Home / Posts Tagged "leggende di fantasmi"

Le sue 26 sale contengono opere dal XIV al XX secolo: Ghirlandaio, Della Robbia, Pomarancio, Guttuso, De Chirico e molti altri.

Preziose opere d’arte, affreschi e il fantasma di una donna che, nelle notti di luna piena, si aggira per le sue stanze. Tutto questo lo troviamo nel cinquecentesco Palazzo Vitelli alla Cannoniera sede della Pinacoteca Comunale di Città di Castello, secondo maggior contenitore d’arte della regione dopo la Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia.

Pinacoteca di Città di Castello

 

La sobria struttura, realizzata tra il 1521 e il 1543 per celebrare le nozze del condottiero Alessandro Vitelli con Angela Paola de’ Rossi, è arricchita sulla facciata che dà sul giardino da eleganti monocromi di Cristoforo Gherardi, su probabile disegno di Giorgio Vasari. Le sue 26 sale contengono opere dal XIV al XX secolo: la più antica è la pala della Madonna in trono col Bambino del Maestro di Città di Castello, fedele seguace di Duccio di Boninsegna, che risale alla prima metà del ‘300.

Martirio di San Sebastiano

Ma sono i primi lavori di Luca Signorelli e Raffaello Sanzio che catturano maggiormente l’attenzione dei visitatori.
Del cittadino onorario Signorelli (nel 2023 si celebrano i 500 anni dalla morte) spicca il Martirio di San Sebastiano, realizzato dall’artista nel 1498 per la Chiesa di San Domenico, dove colpisce la fisicità di arcieri e balestrieri e il corpo martoriato di Sebastiano; altro pezzo pregiato è lo Stendardo di San Giovanni Battista, di scuola Signorelli, commissionato dall’omonima confraternita per la loro chiesa a Città di Castello; e un frammento dell’affresco del 1474 proveniente dalla Torre Civica della città tifernate, raffigurante il volto di San Paolo a testimonianza della sua vicinanza a Piero della Francesca.
«Il Martirio di San Sebastiano si trova nella Sala della Contemplazione accanto allo Stendardo processionale della Santissima Trinità, l’unica opera mobile di Raffaello rimasta in Umbria. I due quadri dialogano tra loro in un vis-à-vis inedito. Ma la Pinacoteca conserva anche lavori di Domenico Ghirlandaio, Andrea Della Robbia, Lorenzo Ghiberti, Antonio Vivarini, Raffaellino del Colle, Santi di Tito, il Pomarancio, Mario Mafai, Renato Guttuso, Giorgio De Chirico, Carlo Carrà e molti altri. È possibile ammirare anche una ricca collezione di bronzi di Bruno Bartoccini, donata al Comune di Città di Castello direttamente dall’artista, mentre nella gipsoteca sono custoditi i gessi realizzati come bozzetti dallo scultore tifernate Elmo Palazzi: da menzionare Allegoria dell’Umbria, una scultura che rappresenta la regione, la cui opera originale si trova nell’Altare della Patria a Roma» illustrano gli operatori della Cooperativa Sociale Poliedro, che gestisce la Pinacoteca.

 

 

Stendardo processionale della Santissima Trinità, Raffaello

 

L’arte si manifesta e prende vita nella Pinacoteca anche negli affreschi delle diverse stanze del palazzo: vasi, mascheroni, motivi vegetali, putti, cornucopie, uccelli affiancano stemmi e simboli della famiglia tifernate dei Vitelli. Lo scalone che dà accesso al piano nobile è anch’esso affrescato con una complessa decorazione a carattere celebrativo e simbolico: Sibille e Profeti, Apollo e le Muse, Sapienti e Imperatori dell’antichità che sono attribuiti a Cola dell’Amatrice e a Cristoforo Gherardi.
Il mobilio esposto nelle diverse sale non appartiene all’arredamento originale del palazzo, ma fa parte della donazione che Elia Volpi, responsabile dell’ultimo restauro dell’edificio e proprietario, fece al Comune di Città di Castello nel 1912. Tavoli cinquecenteschi di fattura tipicamente umbra o di provenienza conventuale, una serie di sedie e seggioloni sei-settecenteschi ne sono un esempio. I pezzi di maggior pregio e interesse sono gli arredi provenienti da chiese e monasteri castellani.

 

Interno della Pinacoteca

La leggenda di Laura

Ogni antico palazzo ha una leggenda e un fantasma che torna ad aggirarsi nelle sue sale durante le notti di luna piena. A Palazzo Vitelli alla Cannoniera si racconta la storia di Laura (Sora Laura), dei suoi amanti e dei suoi fazzoletti. Siamo nel ‘500, il condottiero Alessandro Vitelli viveva in questa dimora a Città di Castello con la moglie Angela Paola de’ Rossi, figlia di Bianca Riario e nipote di Caterina Sforza. Il loro non era stato certo un matrimonio d’amore, ma più un accordo politico; per questo Angela, poco interessata al marito, lascia presto la dimora. La leggenda vuole che Laura – minuta, con lunghi capelli corvini e molto bella – incontri Alessandro fuori da palazzo: i loro sguardi si incrociano e lei, sfrontata, lo guarda dritto negli occhi, nonostante all’epoca una donna del popolo non poteva comportarsi in quel modo con un uomo del lignaggio di Vitelli.
Lui rimane colpito dalla sua sfrontatezza e arroganza, per questo la manda a cercare dai suoi uomini. Laura così entra a palazzo. Ma nei lunghi periodi in cui Alessandro è via lei resta sola, prigioniera di quelle stanze e così per passare il tempo inizia a ricamare fazzoletti.
Un giorno annoiata si affaccia all’unica finestra che dà fuori dalla proprietà e, al passaggio di un giovane, fa cadere il fazzoletto. Il ragazzo prontamente lo raccoglie ed entra in casa per restituirglielo, ma si trattiene più del dovuto, così lei gli consiglia di non uscire dalla porta principale, perché le serve avrebbero raccontato tutto ad Alessandro. Esorta quindi il giovane a uscire da una porticina nascosta dagli affreschi. Laura tralascia però un particolare: la porta conduce in un pozzo, per questo si esce rapidamente e senza essere visti (mai più).
Secondo la leggenda, questo fazzoletto bianco, immacolato e puro – ma che così puro non era – le sfugge più volte di mano e quella porta si apre molto spesso. È per questo motivo che, nelle notti di luna piena, lei, presa dal rimorso, torna all’interno del palazzo a cercare le anime dei tanti giovani che per colpa sua non hanno fatto più ritorno a casa.
«Il palazzo è molto affascinante e particolare, venire di notte quando è buio e non ci sono rumori incute un po’ di timore. Si può avere la sensazione di non essere soli, di avvertire una presenza. Sarà vero? È solo suggestione? Tutto questo mistero lo rende così affascinante» raccontano i gestori della Pinacoteca.

 

 


Pinacoteca al chiaro di luna –  speciale Luca Signorelli (venerdì 26 maggio ore 21)

Tornano le tanto attese aperture serali di Palazzo Vitelli alla Cannoniera. Quest’anno, in occasione di “La Valle di Signorelli”, le visite guidate saranno focalizzate particolarmente sulla vita e le opere dell’artista cortonese conservate nel museo.
È necessario prenotare: 0758554202 / 0758520656; cultura@ilpoliedro.org